Friday, July 19, 2024

Nessuna pausa per la corsa delle criptovalute durante le festività: ecco le ultime notizie

*SPONSORED POST

Storicamente, il periodo delle feste di Natale non è mai stato favorevole al settore degli asset digitali. 

Tuttavia, contrariamente al calo previsto, il mercato delle criptovalute ha avuto una crescita notevole, cosa che fa ben sperare in un potenziale rally di tremendous anno. Vediamo qui di seguito quali sono le ultime notizie.

Il Bitcoin torna a crescere

Il Bitcoin è cresciuto dello 0,41% nelle ultime 24 ore, rimanendo tra i 42.000 e i 43.000 dollari. 

La famosa criptovaluta sta per concludere l’anno con un ottimo risultato, inoltre potrebbe godere di un ulteriore aumento di valore con la possibile approvazione degli ETF Spot. La SEC dovrebbe prendere una decisione in merito il 25 gennaio.

Con un verdetto positivo, il Bitcoin potrebbe crescere in modo esponenziale, grazie all’arrivo di nuovi investitori al di fuori del mercato delle criptovalute. Un rally del Bitcoin potrebbe trainare anche la altcoin, generando una nuova fase rialzista del mercato.

Le altcoin sono in positivo

Ethereum è cresciuto del 2,09% nelle ultime 24 ore, arrivando a un valore di 2.294 dollari. Solana ha registrato un guadagno del 40% negli ultimi sette giorni, con un lieve calo del 3% nelle ultime 24 ore. Il valore di SOL si è attestato intorno ai 110 dollari.

BNB ha registrato un aumento dell’3% nelle ultime 24 ore, raggiungendo i 310,32 dollari, mentre XRP di Ripple è salito dell’1% negli ultimi 7 giorni, per un valore di 0,6305 dollari.

Dogecoin e Shiba Inu restano rilevanti

Dogecoin e Shiba Inu, le due meme coin più famose sono cresciute di valore, stabilendosi rispettivamente a 0,09248 dollari e a 0,00001075 dollari. Inoltre, recentemente è stata lanciata SPONGE V2, una seconda versione della popolare meme coin SPONGE, basata sui personaggi del cartone animato Spongebob Squarepants.

Il lancio di SPONGE V2

La nuova meme coin SPONGE V2 è stata creata con l’obiettivo di rivitalizzare la meme coin SPONGE, proponendo allo stesso tempo alcune novità interessanti. Gli sviluppatori mirano a replicare il successo della meme coin originale al lancio, avvenuto nella primavera del 2023.

La decisione di sviluppare una seconda versione di SPONGE deriva anche dal fatto che la meme coin ha sperimentato various oscillazioni di valore nel corso del 2023. Advert agosto, SPONGE è cresciuta grazie allo staking, arrivando a un valore di 0,00045 dollari.

Tuttavia, a dicembre SPONGE ha subito una significativa correzione, attestandosi attualmente a circa 0,00015 dollari.

Come la prima versione, SPONGE V2 permette agli utenti di fare staking. Il pool di staking di SPONGE sarà trasferito al pool V2 della nuova versione, consentendo agli utenti di spostare i loro token dal pool V1 prima della sua chiusura definitiva.

Attualmente, il pool V2 offre un guadagno passivo con un tasso di ricompensa del 650%. I dealer interessati possono acquistare SPONGE V2 attraverso un widget sul sito ufficiale.

A differenza della versione originale, SPONGE V2 potrebbe diventare parte di un ecosistema, attraverso lo sviluppo di un gioco P2E (Play To Earn), del quale al momento si conoscono poche informazioni.

Il gioco dovrebbe offrire opportunità di divertimento e guadagno ai detentori del token SPONGE V2, conferendogli utilità e supportando il suo valore sul mercato.

Oltre alla creazione del gioco P2E, la roadmap di SPONGE V2 prevede raggiungimento di un market cap di 100 milioni di dollari. Il staff mira anche a ottenere quotazioni su CEX di primo livello per rendere il token più visibile sul mercato e attirare ulteriori investitori.

La tokenomics di SPONGE V2 prevede un’offerta totale di 150.000.000.000 token, di cui il 43,09% sarà destinato alle ricompense dello staking e il 26,93% proviene dal bridging di SPONGE. 

Un ulteriore 7,50% è riservato al advertising, mentre il 4,47% sarà utilizzato per lo sviluppo del gioco P2E, con l’8% destinato alle ricompense P2E. Il restante 10% sarà destinato alla liquidità su CEX.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest Articles