Saturday, June 15, 2024

La regolamentazione del mining mette a rischio il Bitcoin

Bitcoin, la criptovaluta di punta, si trova advert affrontare una minaccia senza precedenti a causa dell’intensificazione della regolamentazione sui minatori, che potrebbe portare a una censura a livello di protocollo.

Il rischio incombente deriva dalla crescente pressione sui minatori affinché controllino e filtrino le transazioni affiliate a indirizzi legati advert attività criminali.  

L’autorità di regolamentazione degli USA monitorano attentamente il mining Bitcoin 

Sebbene tali casi siano attualmente rari, l’evoluzione del panorama normativo suggerisce un potenziale spostamento verso pratiche comuni in futuro.

Le autorità di regolamentazione statunitensi, in particolare l’Workplace of Overseas Property Management (OFAC), stanno monitorando attentamente lo spazio delle criptovalute. 

Sebbene i minatori non siano attualmente l’obiettivo principale, gli esperti legali avvertono che la fornitura di servizi a persone inserite in liste di sanzioni potrebbe essere considerata come un sostegno materiale a entità sanzionate, invitando a imporre sanzioni ai fornitori di servizi.

Secondo Ben Hutten, associate dello studio legale Orrick, i minatori dovrebbero agire con cautela visto il contesto normativo. La potenziale imposizione di sanzioni ai fornitori di servizi segnala una crescente necessità di vigilanza all’interno della comunità del mining.

Christopher Bendiksen, responsabile della ricerca sul bitcoin presso CoinShares, prevede che alcuni minatori potrebbero scegliere di censurare le transazioni affiliate agli indirizzi elencati dall’OFAC, considerandolo un costo prevedibile per fare affari nel mondo occidentale. 

Questo cambiamento potrebbe inaugurare una nuova period per il Bitcoin, introducendo la censura a livello di protocollo.

Sono emersi i primi segnali di allarme, con alcuni minatori che hanno volontariamente implementato misure antiriciclaggio sulla catena. 

Un ricercatore bitcoin pseudonimo ha identificato sei transazioni escluse dai principali mining pool – ViaBTC, F2Pool e Foundry – a causa della loro associazione con indirizzi presenti nell’elenco delle sanzioni OFAC. 

Sebbene il ricercatore ritenga che si tratti di un incidente isolato, ciò solleva preoccupazioni su potenziali pratiche di censura future.

Le transazioni riguardavano indirizzi attribuiti a venditori cinesi di precursori di fentanil e a un servizio OTC sanzionato dalla Russia, SUEX. 

Anche se alla effective le transazioni sono state inserite nella blockchain di Bitcoin da altri minatori, il filtraggio intenzionale di F2Pool ha scatenato dibattiti sull’etica e sulle implicazioni della censura delle transazioni.

Le pressioni normative dei miners

I minatori sentono sempre più la pressione di enti normativi come l’OFAC e la FinCEN. Le recenti azioni contro i miscelatori di criptovalute, esemplificate da Twister Money, sottolineano l’approccio innovativo dei regolatori nel combattere le attività illecite nello spazio delle criptovalute. 

La designazione da parte della FinCEN della miscelazione di criptovalute come problema primario di riciclaggio di denaro significa un’applicazione più ampia delle misure di regolamentazione.

Mentre i singoli minatori sono attualmente esposti a rischi minimi, i servizi di mining che si dedicano alla suddivisione delle transazioni potrebbero essere sottoposti a un controllo normativo.

Hutten osserva che il rispetto delle norme e dei regolamenti è fondamentale per i servizi di mining per evitare di essere classificati come trasmettitori di denaro negli Stati Uniti.

Il rapporto in evoluzione tra le autorità di regolamentazione statunitensi e il settore delle criptovalute è esemplificato dalle misure proattive della stablecoin Tether. 

Tether ha una storia di congelamento di indirizzi legati al crimine e ha recentemente annunciato una collaborazione con i servizi segreti degli Stati Uniti e l’FBI per migliorare la conformità normativa.

Nel 2021, Marathon Digital ha sperimentato brevemente il filtraggio delle transazioni per gli indirizzi sanzionati, evidenziando l’impraticabilità e l’impopolarità di tali funzioni. 

Gli esperti del settore sottolineano l’inevitabilità della conformità alle normative governative statunitensi, riconoscendo che il tentativo di resistere alle pressioni normative può essere inutile.

La censura delle transazioni pone problemi economici ai minatori, in quanto il rifiuto delle transazioni consente advert altri minatori di richiedere le commissioni affiliate. 

Tuttavia, le potenziali ripercussioni della mancata conformità con le autorità di regolamentazione statunitensi potrebbero essere più significative. 

L’emergere di un consenso non ufficiale tra i principali pool di mining per filtrare transazioni specifiche potrebbe portare a un attacco de facto al 51% del Bitcoin, con conseguente potenziale divisione della catena.

Ipotetici scenari per il mining

L’ex direttore della Casa Bianca Carole Home ha persino suggerito che i minatori potrebbero concordare collettivamente non solo di evitare il mining di transazioni inserite nella lista OFAC, ma anche di rendere orfani i blocchi contenenti tali transazioni. 

Questo state of affairs ipotetico potrebbe essere percepito come un attacco al 51% del Bitcoin, evidenziando le complessità e le potenziali interruzioni poste dalle pressioni normative.

In conclusione, il futuro del Bitcoin è incerto a causa dell’aumento del controllo normativo sui minatori. Il delicato equilibrio tra conformità e mantenimento dell’etica decentralizzata delle criptovalute solleva interrogativi critici sulla traiettoria del settore. 

I minatori devono navigare in questo panorama in evoluzione, soppesando le implicazioni economiche della censura delle transazioni con i rischi legali e normativi associati alla non conformità.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest Articles