Saturday, June 22, 2024

Il report di CCData sulle stablecoin vede il dominio di USDT

Nel regno degli asset digitali, le stablecoin, in particolare USDT come si evince dal report, hanno conquistato una posizione di rilievo, catturando l’attenzione del mercato con la loro crescita sostanziale. 

In questo articolo sveliamo le intricate dinamiche del panorama delle stablecoin, approfondendo le sfumature dell’ultimo report di CCData, che analizza meticolosamente la capitalizzazione del mercato, i volumi di scambio e gli sviluppi più importanti di questo settore critico.

Il report sulle Stablecoin e CBDC di CCData: regna USDT 

Il panorama degli asset digitali ha visto una sostanziale evoluzione negli ultimi anni, con le stablecoin che stanno emergendo come un sottosettore fondamentale. 

In questa analisi approfondita dell’ultimo rapporto di CCData sulle stablecoin e sulle Central Financial institution Digital Currencies (CBDC), approfondiamo aspetti critici come la capitalizzazione di mercato, i volumi di scambio, le tendenze delle stablecoin, le deviazioni dei peg e gli sviluppi degni di nota.

Al 18 dicembre, la capitalizzazione di mercato totale delle stablecoin ha registrato un aumento dello 0,9%, raggiungendo l’impressionante cifra di 129 miliardi di dollari. Questa impennata segna una notevole ripresa della classe di asset, che ha registrato un aumento dell’offerta di 4,25 miliardi di dollari nel mese di novembre. 

Questa cifra rappresenta la più alta capitalizzazione di mercato osservata da maggio, sottolineando la robusta crescita delle stablecoin.

I volumi delle stablecoin hanno mostrato una costante traiettoria ascendente, con il mese di novembre che ha visto i volumi di scambio più alti da marzo. In prossimità della wonderful di dicembre, i volumi sono pronti a stabilire un nuovo report per il mese. 

I risultati degni di nota del rapporto includono un aumento del 3,43% della capitalizzazione di mercato totale a 128 miliardi di dollari a novembre, l’aumento mensile più consistente dell’offerta dal febbraio 2022.

A dicembre si è registrato un ulteriore aumento, con la classe di asset che ha registrato un’impennata dello 0,17% a 129 miliardi di dollari al 18° giorno. 

Tuttavia, il dominio della capitalizzazione di mercato delle stablecoin è sceso all’8,07% a dicembre, segnando la quota più bassa dal dicembre 2021.

Il successo di USDT nell’ascesa delle stablecoin 

Tra le stablecoin spicca USDT, la cui capitalizzazione di mercato è salita dell’1,64% fino a raggiungere il massimo storico di 90,8 miliardi di dollari a dicembre. Questo risultato rappresenta il primo caso di una stablecoin che supera il traguardo dei 90 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato. 

Contemporaneamente, i volumi di scambio delle coppie USDT sulle borse centralizzate hanno raggiunto l’impressionante cifra di 662 miliardi di dollari a novembre, segnando il livello più alto registrato da marzo 2023.

FDUSD è emerso come un protagonista di rilievo nel mese di dicembre, con un’impennata del 92,6% nella capitalizzazione di mercato, raggiungendo 1,63 miliardi di dollari al 18 dicembre. 

Questo notevole risultato posiziona FDUSD al quinto posto tra le stablecoin, superando BinanceUSD (BUSD), che in precedenza rappresentava quasi il 36,4% dei volumi di scambio di Binance. Questo cambiamento segue il graduale abbandono di BUSD a favore di TrueUSD e First Digital USD.

In uno sviluppo significativo, il principale emittente di stablecoin Tether ha fatto notizia a dicembre annunciando la collaborazione con il Dipartimento di Giustizia (DOJ), il Federal Bureau of Investigation (FBI) e i servizi segreti degli Stati Uniti. 

Questa mossa strategica mira a frenare l’uso illecito di USDT, riflettendo l’impegno di Tether per la conformità normativa. 

In particolare, Tether ha adottato misure proattive congelando 326 portafogli, per un totale di 435 milioni di dollari, su istruzione delle autorità statunitensi il 17 dicembre. I dati sulla catena rivelano che Tether ha bloccato un totale di 1.237 portafogli dalla sua nascita, con il mese di dicembre che ha registrato l’aumento più consistente da un mese all’altro.

Conclusioni

In conclusione, l’esame esaustivo di CCData del panorama delle stablecoin e dei CBDC evidenzia una crescita senza precedenti, caratterizzata da un’impennata della capitalizzazione di mercato, da un aumento dei volumi di scambio e da cambiamenti cruciali nel settore. 

La solida efficiency di pietre miliari come USDT e la fulminea ascesa di FDUSD sottolineano la resilienza e l’adattabilità delle stablecoin all’interno dell’ecosistema degli asset digitali. 

Tuttavia, in mezzo a questa prosperità, il settore si trova advert affrontare un maggiore controllo, come dimostra la collaborazione di Tether con le autorità statunitensi, che segnala un momento cruciale nella ricerca della conformità normativa.

Con la maturazione dell’area delle stablecoin, il delicato equilibrio tra innovazione e conformità normativa diventa sempre più critico. 

I dati presentati in questo rapporto dipingono un quadro vivido di un ecosistema in continua espansione, con dinamiche di mercato e misure normative che modellano la traiettoria delle stablecoin e dei CBDC. 

Nel navigare in questo intricato panorama, gli operatori del settore devono rimanere vigili, promuovendo la trasparenza, la conformità e l’innovazione tecnologica per garantire la crescita sostenuta e la legittimità delle stablecoin nel più ampio contesto della finanza digitale. 

Le intuizioni di CCData fungono da bussola, guidandoci attraverso la complessa interazione di forze di mercato e imperativi normativi che definiranno il futuro panorama delle stablecoin e il loro ruolo integrale nell’ecosistema della finanza digitale.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Latest Articles